Enter your keyword

Atti Seminari e Convegni

Uso di un telegiornale su videocassetta per principianti

Normalmente usavo il telegiornale verso il 3° livello (ca. 200–250 ore di lezione) con il risultato che gli studenti avevano comunque notevoli problemi di comprensione; ciò era dovuto ad un linguaggio completamente diverso dall’usuale, ad un lessico spesso molto specifico, ed in più alla totale mancanza di interazione, corredata dalla naturale ridondanza che nasce spontanea in una conversazione autentica, poiché gli Speaker dei TG di solito leggono le loro notizie. Siccome molti studenti nutrono un forte interesse, per cultura personale o talvolta anche per necessità, ad essere in grado di capire un notiziario, ho ritenuto necessario trovare una modalità per poter esercitare, prima possibile, l’orecchio dello studente a questo tipo di ascolto, senza tuttavia creare frustrazioni.

Registrato un TG, mi sono allora chiesta per prima cosa quale tipo di notizie fossero proponibili per studenti che avessero circa 45 ore di lezioni (nel mio caso di tedesco) alle spalle. Innanzitutto erano da escludere le notizie riguardanti la politica interna, per esempio i programmi dei vari partiti politici, come pure notizie troppo specifiche sull’economia del paese. Andavano bene invece notizie di politica internazionale, notizie di cronaca, culturali e sportive. I notiziari erano inoltre troppo lunghi, e ho deciso perciò di tagliare via tutti i servizi giornalistici. Come durata massima avevo calcolato circa 3 minuti.

In un secondo esame del telegiornale mi sono quindi concentrata sugli aiuti visivi che potessero facilitare la comprensione orale.

Le notizie scelte erano alla fine 8 e riguardavano:

  • la prima – un breve invito da parte del presidente della Germania Herzog ad opporsi all’estremismo di destra. Sullo schermo si vedeva oltre allo Speaker un’immagine del presidente e la scritta “Rechtsextremismus”;
  • la seconda – il 50esimo anniversario dell’esistenza dello stato di Israele. L’informazione visiva era la stella di Davide con in più la scritta “Israel”;
  • la terza – il rifiuto da parte dell’IRA per il disarmo dell’Irlanda del Nord . Insieme appariva una carta geografica dell’Irlanda con la sigla dell’IRA e una foto di un arsenale di armi, oltre al titolo “Nordirland”.
  • la quarta – una modifica del tasso limite di alcool consentito nel sangue degli automobilisti. Mentre veniva data la notizia si vedeva un automobilista che soffiava nel palloncino per la prova dell’alcool nel sangue. Appariva anche la scritta: “0,5 Promille-Grenze”;
  • la quinta – un’esplosione di gas a Francoforte. In questo caso partiva immediatamente il servizio giornalistico, cioè le immagini della casa distrutta dall’esplosione, che comunque non superava i 20 secondi;
  • la sesta – il trasferimento del direttore del “Burgtheater” Claus Peymann al “Berliner Ensemble”. Veniva inquadrata una fotografia di Claus Peymann;
  • la settima – la collezione personale di Pablo Picasso, la mostra riguardante questa collezione e quadri dello stesso Picasso a Monaco. Anche qui appariva l’immagine di Pablo Picasso insieme allo Speaker;
  • l’ottava – un nuovo regolamento della Formula I. Aiuto visivo: l’immagine di una Ferrari.

Data l’importanza di ascoltare almeno 5/6 volte un brano, ho pensato di trasferire la cassetta video su una cassetta audio. Ciò mi permetteva, per prima cosa, di fare ascoltare agli studenti 2 volte il telegiornale, dando due compiti diversi, allo scopo di tranquillizzarli, abbassando le loro aspettative nei confronti dell’insegnante ed anche di loro stessi.

Il primo compito consisteva nell’ascoltare il brano su cassetta audio e decidere di che cosa si trattasse. Raccoglievo alla fine dell’ascolto velocemente i risultati. Normalmente le risposte variano tra “giornale radio” e “telegiornale”.

Il secondo compito era cercare di capire quante notizie venivano date. Dopo il secondo ascolto seguiva una breve socializzazione a due. Alla fine ogni gruppo rilevava brevemente il numero delle notizie trovate durante l’ascolto.

Facevo vedere a questo punto per la prima volta la videocassetta del telegiornale (edizione ridotta). Era la fase in cui la comprensione aumentava notevolmente e potevano trovarsi conferme di ciò che era stato prima ipotizzato. Seguiva una socializzazione abbastanza ricca.

Devo a questo punto tornare qualche passo indietro, alla fase preparatoria. Il giorno successivo alla registrazione del telegiornale avevo acquistato un giornale tedesco. Avevo ritagliato da questo giornale tutti i titoli degli articoli che corrispondevano alle notizie del TG edizione abbreviata (per alcuni lasciando anche la corrispondente immagine) e li avevo incollati a caso su un foglio di formato A3 (vedi esempio ridotto, in fondo all’articolo).

Tornando alla lezione, alla fine della socializzazione distribuivo a ciascuno studente questi collage con il compito di ordinarli durante la successiva visione del TG, numerandoli da uno ad otto. Alla fine della visione seguiva di nuovo una socializzazione, per passare poi ad un’ultima visione.

Dopo ogni ascolto, o visione, gli studenti potevano chiedere all’insegnante parole che non conoscevano.

A sfavore di questa proposta di ascolto autentico può giocare il fatto che la preparazione è un po’ laboriosa e richiede perciò un po’ di tempo. Inoltre, trattandosi di materiale di attualità, non dovrebbe superare una settimana di “vita”, e deve perciò essere continuamente rinnovato.

Chi non avesse la possibilità di duplicare le videocassette, e ridurre in questo modo il telegiornale, può comunque far avanzare velocemente i pezzi non adatti sulla cassetta video.

Cosa cambiare quando non si tratta di principianti?

Un collega, sperimentando questa attività in un secondo livello, ha lasciato via nella preparazione del collage un titolo, rispetto al TG (questo può essere voluto, ma può essere anche una necessità, dato che non sempre il giorno successivo si trovano sui giornali tutti i titoli). Gli studenti avevano quindi l’ulteriore compito di trovare la notizia per la quale mancava il titolo e di scriverlo.

Per un livello intermedio eviterei di aggiungere delle immagini insieme ai titoli. Può essere dato il compito successivo può essere quello di scrivere un articolo per un giornale, scegliendo come partenza uno dei titoli del collage.

Alcuni titoli che avevo trovato erano assolutamente inadatti per principianti e livelli intermedi. Non contenevano alcun aiuto di riferimento alle notizie, anzi erano enigmatici o ingannavano; trovare le notizie corrispondenti poteva invece essere stimolante per livelli più alti.

Inoltre possono anche essere inserite nel telegiornale notizie di politica interna ed economia.

Viene riportata di seguito la breve scaletta di questa proposta distribuita durante il seminario:

Uso di un documentario (telegiornale) su videocassetta per principianti

Preparazione:

1. Registrare un telegiornale su videocassetta
2. Duplicare questo telegiornale tagliando via i servizi giornalistici filmati.
3. Passare il telegiornale “edizione ridotta” dalla cassetta video a una cassetta audio.
4. Acquistare un giornale il giorno successivo alla registrazione
5. Ritagliare i titoli relativi alle notizie del telegiornale registrato e incollarli a caso su un foglio.

Materiale da usare in classe:

– Casetta Audio (telegiornale “edizione ridotta”)
– Casetta Video (telegiornale “edizione ridotta”)
– Fotocopie del collage dei titoli del giornale (1 per ogni studente)

Procedimento in classe:

Primo compito: “Di che cosa si tratta?”
– 1° Ascolto (cassetta audio)
– Breve risposta alla domanda posta dall’insegnante.
Secondo compito: “Quante sono le notizie ascoltate?”
– 2° Ascolto (cassetta audio)
– Socializzazione in piccoli gruppi (2 o 3 studenti) e rapida raccolta dei risultati.
– 3° Ascolto + Visione (cassetta video)
– Socializzazione in piccoli gruppi (2 o 3 studenti)
– L’insegnante distribuisce le fotocopie con i titoli degli articoli del giornale a
ciascuno studente.
Terzo compito: “Mettete questi titoli in ordine durante la visione del video”
– 4° Ascolto + Visione (cassetta video)
– Socializzazione in piccoli gruppi (2 o 3 studenti)
– Cambio dei componenti dei gruppi
– 5° Ascolto + Visione (cassetta video)

Per mancanza di tempo non mi era possibile presentare un altro lavoro che avevo preparato per questo seminario per quanto riguarda l’ascolto autentico (con una videocassetta) di un documentario. Dato che insegnare una lingua non significa soltanto trasmettere lessico, … ma anche avvicinare alla cultura in senso più ampio della parola e spesso lo studente si trova a studiare la L2 nel proprio paese. Aveva registrato un film documentario sulla città di Francoforte della durata di circa 10 minuti.